Introduzione alla Storia italiana

italexitsul ritiro dei contadini Italiano, C. N. Ninni è un ben illustrato e accuratamente ricercato lavoro, fornendo un'introduzione interessante e gratificante per la storia italiana. Ninni è uno storico dilettante compiuto con un interesse per la storia del popolo italiano. Il libro trae i suoi contenuti da documenti quali diari, lettere e documenti di famiglia.

La storia inizia con l'ascesa della classe contadina, come esemplificato dal Ten Years' War (1339-1343) che ha spinto molte famiglie dalle loro fattorie, causando la formazione di Famiglie Tavolino o 'il piccolo agricoltore'. Questo contadini erano poveri, forse uno dei più poveri in Europa a quel tempo. Erano sopravvissuti alle terribili carestie del XV secolo, ma dopo la Morte Nera l'economia del paese ha preso una svolta per il peggio.

Tuttavia, nonostante i grandi cambiamenti, queste famiglie sono rimaste in contatto con altre famiglie che vivevano alla periferia della città. Per tutti gli scopi pratici hanno formato una classe sociale.

Le famiglie hanno fatto sopravvivere alla peste, ma non erano indenne dalla grande carestia del XIV secolo. Il loro numero sono crollati.

In tempi passati, i contadini mangiavano tutto quello che potevano trovare nelle loro case; sulla strada, o nascosto nel fienile. Durante le guerre civili il gatto è stato lasciato fuori dal sacco.

Gli agricoltori poi si girò verso di acquisto e prodotti di vendita azienda agricola, gran parte del quale è stato venduto dagli agricoltori ai commercianti e da loro la gente del paese. C'era anche il mercato privato, che è stato caratterizzato dalla presenza di mercanti di fissazione dei prezzi. Ci hanno fornito i coltivatori di grano, verdure, e altri prodotti.

Carestia costretto le famiglie a vendere i loro prodotti a meno di suo vero valore. A causa di questo, i prezzi sono scesi drasticamente. Inoltre, è stato illegale farlo, e quindi molti agricoltori realizzato un profitto nel vendere i loro prodotti al di sotto del valore di mercato.

Le famiglie sono uniti in città come Castelfranco e Favoledo, dove le famiglie si formano insieme per lavorare, mangiare e dormire. Come la parola diffusione della famiglia in stile di vita e l'agricoltura delle città divenne pieno di abitanti.

i padri della città chiamato un incontro per cercare di porre rimedio alla situazione. I padri chiamavano la riunione perché credevano che le loro famiglie erano da biasimare per la miseria dei contadini. Quando i padri città incontrarono a Castelfranco nel novembre del 1569, la situazione sembrava desolante.

Al fine di salvare le famiglie, i padri città doveva agire. Un incontro si è tenuto, ei padri ha suggerito le seguenti misure: in primo luogo, a titolo di risarcimento, darebbero ai contadini un dividendo 100 per cento sui loro prodotti agricoli, che potrebbero essere utilizzati per acquistare cibo.

La seconda proposta era quello di fornire i contadini italiani con i nuovi edifici in cui vivere. I contadini non volevano parte dei ristoranti e alberghi gourmet; volevano un luogo di loro. I padri hanno concordato, in modo da mettere da parte i soldi per i contadini ad appartamenti di build, sale e sale.

Nella tradizione d'Italia, gli inquilini si rifiutò di lasciare fino a quando il governo ha concesso loro i diritti dei contadini erano state cercando. Hanno poi avuto una solenne giuramento di rimanere lì fino al giorno in cui il governo ha dato loro il possesso della loro terra promessa. Alla fine, essi hanno ricevuto possesso delle loro nuove case, tra cui una fontana di marmo ottanta-piede e una statua di Virgilio e due statue, una di Melchior Canoe l'altro di Boezio.